I legionari romani nel Bruzio tra le colonie magnogreche - itCosenza

itCosenza

MEMORIA STORIA

I legionari romani nel Bruzio tra le colonie magnogreche

Rogguano Gravina

I legionari romani. Alla fine del III secolo a.C. colonie greche indipendenti non ne esistono più. Verso il III secolo a.C., quando si comincia a definire le colonie elleniche dell’Italia meridionale come Magna Grecia, per mostrare la loro grandezza rispetto alla vecchia Grecia, le città antichissime dei greci d’Occidente, vivono un lento e inesorabile declino, a causa dell’ascesa di Roma. Per gli arditi navigatori, che hanno solcato con le loro navi il Grande Mare Interno, alla ricerca di nuove terre dove fondare colonie, nelle quali hanno innalzato templi maestosi, comincia la decadenza con l’arrivo dei legionari dell’Urbe. Intente nei loro affari e agitate da fraterne contese, sono assalite, e poi assoggettate, da un’altra potenza più forte di loro, la repubblica romana. Alla fine del III secolo a.C., colonie greche indipendenti in Italia non ne esistono più. Una volta conquistati, i greci della Lunga terra bruzia, invece di parlare latino, con il fascino della loro cultura introducono il greco tra i romani. A Roma giungono oratori, filosofi, medici e artisti usciti dalle scuole ellenistiche, e il greco rimane la lingua colta dell’Occidente.

Mosaico Pesca del Tonno legionari romani
Mosaico raffigurante la pesca del tonno

I legionari romani. Regium e Consentia diventano le città più grandi del Bruzio

Villa legionari romani
Resti di Villa Romana

Nel 202 a.C. con la pesante sconfitta di Annibale e dei suoi alleati brettii, i romani si interessano maggiormente della Lunga terra. Nel I secolo a.C. l’approvvigionamento del grano, l’alimento base per la popolazione, è anche un problema di ordine pubblico. L’agricoltura, che vede un frazionamento agrario con poderi di maggiori dimensioni, continua a essere la base dell’economia. E’ l’inscindibile supporto naturale ai piccoli aggregati urbani delle città antichissime ,fondate dai greci d’Occidente che si rianimano come Regium. Mentre si sviluppa Consentia, la capitale dei bruzi. Si formano nuovi villaggi, dove prima si estendeva ager publicus, come Taurianum e innumerevoli ville costellano la pianura di Thurii. I terrazzi collinari prospicienti i percorsi di transumanza e le terre attraversate da corsi fluviali e torrentizi, sono la base agraria di piccoli nuclei rurali costituiti da fattorie e villaggi. Con una presenza sparsa sul territorio, per la mancanza di ampie aree pianeggianti. Tutto intorno ai campi coltivati, gli appezzamenti di terreno incolto e il bosco ceduo, sono il regno di carbonai e pastori. L’acqua è abbondante, è la straordinaria risorsa della vegetazione diffusa, rigogliosa e multiforme del Bruzio.

Passa per Regium l’apostolo Paolo

Statua Marmorea Personaggio Togato
Statua marmorea personaggio togato

L’imperatore Tiberio (42 a.C.-37 d.C.), prima di lasciare Roma per trasferirsi a Capri, riprende una vecchia legge di Cesare e impone ai patrizi romani di investire in acquisto di terre, nel Bruzio sono così messe a coltura altre terre in modo da incrementare la produzione di derrate sempre più richieste dalla capitale. La persistenza del greco nell’estrema Italia, si ravviva grazie alla diffusione del cristianesimo, e i suoi propagatori giungono dalla prossima Sicilia, e direttamente dall’Oriente a Regium, porto di transito sulla grande linea marittima che unisce Puteoli ai paesi del Mediterraneo orientale. Nel febbraio del 61, proveniente da Cesarea, passa per Regium (odierna Reggio Calabria) l’apostolo Paolo, nel suo quarto viaggio per Roma. In un momento di grande crisi economica e di impoverimento, nel tentativo di riaffermare la centralità della penisola italiana tra le regioni dell’impero, le assegnazioni di terre riprendono con Marco Cocceio Nerva (96-98) che nel Bruzio le concede ai plebei di Roma e istituisce una colonia a Skilletion.

( Foto Stefano Vecchione)

I legionari romani nel Bruzio tra le colonie magnogreche ultima modifica: 2021-05-14T07:51:31+02:00 da Stefano Vecchione

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
To Top
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x