Mario Greco l’eclettico mancino 2001 del calcio - itCosenza

itCosenza

NOI COSENTINI SPORT

Mario Greco l’eclettico mancino 2001 del calcio

Copertina Mario

Mario Greco l’eclettico mancino 2001. Un altro anno calcistico si è concluso, e il 2001 mancino Mario Greco, può ritenersi pienamente soddisfatto. Dopo il ritiro ad agosto con il Cosenza Calcio, in cui ha passato la sua adolescenza calcistica, la breve parentesi a Rende, e poi il ritorno a Castrovillari in serie D, accolto benissimo dalla società e dal presidente Di Dieco. Un campo che già l’anno prima, lo aveva visto titolare. Un terzino sinistro che in realtà nasce mezzala, ma che ad oggi può, grazie alla sua tecnica, ricoprire tutti i ruoli sulla fascia sinistra.

Ritiro Cosenza Calcio
Mario Greco in ritiro con il Cosenza Calcio

Mario Greco sceglie di giocare tra i “grandi”

Lui che da anni, ha deciso di confrontarsi con i “grandi” nel campo. Infatti nel 2018/2019 decide di bruciare le tappe. Lo fa giocando in eccellenza, nella Paolana, dove il Mister Perrotta lo utilizza da subito titolare. Più di trenta presenze, con un gol naturalmente di sinistro, che poi decreta la salvezza della società azzurra contro il Cotronei. Un anno che si chiude con il “titolo”, di miglior terzino sinistro dell’eccellenza calabrese. L’anno seguente in serie D, nel Castrovillari, il mister Marra, decide di dargli fiducia, non togliendogli mai la maglia numero 3. Greco ricambia, combattendo in campo 90 minuti come un leone, e correndo veloce come una gazzella. Un gol di testa anche nella prima giornata di campionato. Tanti sacrifici, da lui affrontati sempre con la gioia e la determinazione, di chi sa quello che vuole e come ottenerlo. Quest’anno la sua scelta di giocare di nuovo con i lupi del Pollino, perché legato alla maglia, nonostante il telefono della sua procuratrice, l’avvocato Daniela Santelli, per tutta l’estate squillasse con richieste da serie D, di tutta Italia.

Partita Mario
Mario Greco durante una partita

La top 11 e quasi 60 presenze in D

Ma si sa, il calcio è fatto anche di cuore, di emozioni e non solo di gambe. È stato un anno, che gli ha permesso di crescere e di perfezionarsi ulteriormente, tecnicamente e psicologicamente, a volte anche mettendolo a dura prova. Ma grazie al mister Franceschini e al mister Terranova, Greco arriva al risultato. Un 2001 che fino adesso può vantare quasi 60 presenze in D.  Anche quest’anno,  la top 11  del girone I lo vede migliore terzino sinistro. Sempre professionale negli allenamenti e nel campo, a tal punto da essere presente anche dopo il grave lutto familiare che lo colpisce, quando perde prematuramente la zia. Ma lui consapevole che un giocatore non deve mai abbandonare la squadra, il giorno dopo, si presenta in campo. Fornisce l’assist del gol al capitano Manes, contro il Sant’Agata dedicandolo al suo angelo, che ha sempre creduto in lui.

Un professionista nel campo. Un ragazzo che sorride sempre con la passione per il calcio

Mario 60e37155aab03
Mario Greco

Un ragazzo tenace, ma che resta umile, il ragazzo della porta accanto, quello che sorride sempre alla vita, nonostante tutto e tutti. Adesso si guarda al futuro. Non importa il numero o il colore di maglia che indosserà sulla sua spalla, lui sarà sempre pronto a vestirla con onore, ma soprattutto, con passione, rispetto e professionalità. Perché lui sa che questo significa essere un vero calciatore.

E come qualcuno cantava… “un giocatore si vede dal coraggio, dall’altruismo, dalla fantasia”.

Auguri Mario Greco

( Foto Wikipedia)

Mario Greco l’eclettico mancino 2001 del calcio ultima modifica: 2021-07-08T05:14:53+02:00 da Redazione

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
To Top
2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x