Ripartire dalle “Differenze” per dire no alla violenza sulle donne - itCosenza

itCosenza

progetto SCUOLA

Ripartire dalle “Differenze” per dire no alla violenza sulle donne

Copertina Differenze

Ripartire dalle “Differenze” per dire no alla violenza sulle donne. Settecento giovani delle scuole superiori saranno protagonisti di un nuovo progetto nazionale UISP. In quattordici città, tra le quali Cassano allo Ionio, nel cosentino, a cura del comitato territoriale UISP Castrovillari, per raccontare la parità e l’equità di genere. Il progetto ha l’obiettivo di sensibilizzare i giovani dell’istituto Erodoto Di Tudii di Cassano allo Ionio, sul tema della violenza contro le donne e sull’uguaglianza di genere. Educare gli studenti ad accogliere e valorizzare le differenze e il rispetto tra i generi. Ciò, facendo emergere stereotipi e pregiudizi delle classi coinvolte. Il tutto con la finalità, di lavorare sulla loro consapevolezza e sull’uso di un linguaggio non sessista.  

Ripartire dalle “Differenze” per dire no alla violenza sulle donne, progetto che sensibilizza docenti e studenti

Lobiettivo è quello di coinvolgere i giovani attraverso la costruzione di una campagna di comunicazione. Attraverso laboratori sportivi di danza contemporanea, si vuol spiegare come comunicare con il proprio corpo le emozioni interiori interagendo con il gruppo di lavoro. Il progetto, accolto con entusiasmo dalla dirigente Anna Liporace, si avvale della collaborazione della professoressa Telma Cruglian.

Momenti Dellevento
Momenti dell’evento

La quale da referente scolastico, sensibilizza docenti e studenti, formando le giuste competenze per individuare e prevenire comportamenti a rischio. “Differenze” si avvale della collaborazione di due psicoterapeute del CAV Roberta Lanzino. A tal proposito la presidente di D.I.RE, Antonella Veltri, ha rimarcato che tale collaborazione è un’occasione preziosa per rendere consapevoli ragazzi e ragazze, della pericolosità degli stereotipi di genere. Vecchi schemi e pregiudizi radicati nella cultura patriarcale che ancora condizionano le relazioni delle giovani generazioni.

Un progetto di condivisione e confronto sulle dinamiche violente

Il progetto prenderà il via i primi di novembre e si concluderà in concomitanza della chiusura dell’anno scolastico 2021-22 con un grande evento finale. Da tale progetto si attendono determinati risultati. In primis aiutare gli studenti e le studentesse a riflettere sulle tematiche della discriminazione di genere, con un approfondimento sui comportamenti violenti all’interno di una relazione. Favorire la conoscenza degli alunni delle classi coinvolte nel progetto, al fine di creare un gruppo spontaneo nel quale sentirsi a proprio agio.

I Relatori del progetto differenze per dire no alla violenza sulle donne
I relatori

Aiutare gli studenti ad avere una maggiore consapevolezza del proprio sé, al fine di saper riconoscere i propri bisogni e desideri. I punti forti e i punti deboli. Condivisione e confronto sulle dinamiche violente. Maggiore consapevolezza e approfondimento sulla violenza di genere. In questo modo si mette in luce la dimensione “sessuata” del fenomeno, come manifestazione di un rapporto tra uomini e donne storicamente diseguale. Dunque, bisogna comprendere ciò che ha condotto gli uomini a prevaricare e discriminare le donne.

( Foto Grazia Ciappetta)

Ripartire dalle “Differenze” per dire no alla violenza sulle donne ultima modifica: 2021-11-01T06:13:22+01:00 da Grazia Danza

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x