itCosenza

COSENZA MITI E LEGGENDE STORIA

Tra mito e leggenda la confluenza del Crati e del Busento

Fiumi Confluenze

Tra mito e leggenda la confluenza del Crati e del Busento. L’incontro tra il fiume Crati (in greco Kràtos), fiume principale della Calabria, e il suo affluente Busento, dà origine ad uno dei luoghi più fascinosi del centro storico cosentino. Proprio dal punto di confluenza, ha inizio l’iter turistico che consente ai visitatori di cogliere la vera essenza della città con i suoi miti e le sue leggende. Tra i racconti più suggestivi legati a questo luogo vi è quello del re dei Visigoti, Alarico, che dopo il sacco di Roma scende nel sud dell’Italia e qui muore nel 410 d.C. Secondo la storia tramandata dai Visigoti, il re è sepolto con il tesoro romano proprio nel punto di confluenza dei due fiumi. Cosicché, lo scorrere impetuoso delle acque, gli avrebbe garantito una protezione eterna.

Confluenza crati e busento
La confluenza tra il Crati e il Busento

Tra mito e leggenda la confluenza del Crati e del Busento

La confluenza dei fiumi Crati e Busento, è un luogo distintivo di Cosenza, leggendario e unico nel suo genere dal punto di vista geografico. Alla confluenza dei due corsi d’acqua, il fiume Crati, il principale della Calabria, scorre sulla destra del colle Pancrazio, dividendolo dal colle Triglio, mentre il fiume Busento arriva da sinistra. Insieme separano il centro storico dalla nuova Cosenza. Per scavare la tomba di Alarico, il fiume viene temporaneamente deviato e tutti gli schiavi coinvolti nei lavori, vengono uccisi per impedire di rivelare il luogo preciso del bottino. Un mistero che continua ad affascinare e che, probabilmente, rimarrà tale per sempre.

Fiumi confluenza crati e busento
Il Crati e il Busento

Confluenza del Crati e del Busento: Cosenza conca d’oro e lingua di serpente

Nel 2015, è annunciata la prima «Caccia al tesoro» con la bonifica degli argini del fiume Busento e le ricerche con droni, georadar, telerilevamento e prospezioni geofisiche alla ricerca del sito archeologico. Poi nel 2016 arriva il ‘no’ da Roma agli scavi per mancanza di prove. A proposito della confluenza, esiste un aneddoto sul santo taumaturgo, Francesco da Paola, patrono della Calabria. Egli, mentre era in cammino per andare a Napoli, da una collina, volgendo lo sguardo indietro per guardare la valle del Crati e, vedendo dall’alto i due fiumi che si incontrano formando un solo corso d’acqua, disse: “Cosenza, conca d’oro e lingua di serpente”.

La confluenza e il ponte di ferro della galleria

Confluenze
Il ponte di ferro

I fiumi sono attraversati da diversi ponti che collegano le sponde del vecchio abitato. Sulla confluenza c’è anche il caratteristico ponte di ferro della ferrovia, anch’esso parte integrante di uno scenario suggestivo, da qualsiasi parte si osservi. Anche dal ponte di Calatrava, intitolato a San Francesco di Paola, si ammira un bel panorama, con la confluenza. Il centro storico e il Castello Svevo in alto, a sinistra la chiesa di San Francesco, sul colle Triglio, e a destra il cupolone e il complesso di San Domenico. Una cartolina che è immortalata, spesso da turisti e viaggiatori che visitano Cosenza. Mentre il ponte Mario Martire introduce all’antico abitato medievale, iniziando dalla piazza dei Valdesi.

Alarico a cavallo

Alarico a cavallo confluenza crati e busento
Alarico

Dal 5 novembre 2016, una statua di Paolo Grassino ricorda la figura del re dei Goti. “Alarico a cavallo”, questo il nome dell’opera, collocata nel greto del fiume a ridosso della confluenza, sulla sponda del Pancrazio. Questa storia è d’ispirazione per la poesia “la tomba del Busento” di Von Platen tradotta da Giosuè Carducci. Cosenza, nel corso degli anni, è diventata un simbolo di bellezza, un “tempio” di meraviglia, un luogo di cui raccontare. Quella tra il Crati e il Busento è una confluenza d’amore: due fiumi che si baciano tra storia, mito e leggenda.

( Foto Facebook Il senso del tempo)

Tra mito e leggenda la confluenza del Crati e del Busento ultima modifica: 2021-03-22T07:36:23+01:00 da Daniela Santelli

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
To Top
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x