Il frutto simbolo dell’estate: l'anguria e le sue antiche origini - itCosenza

itCosenza

LO SAPEVI CHE

Il frutto simbolo dell’estate: l’anguria e le sue antiche origini

Anguria Copertina

Il frutto simbolo dell’estate è senza dubbio l’anguria o cocomero che appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee. Dalla forma sia rotonda che ovale, può superare il peso di venti chilogrammi. Identifica da sempre l’allegra convivialità, forse perché, secondo una leggenda, sarebbe stato uno dei primi strumenti di gioco degli dei, di certo per la sua forma simile ad una palla. Questo frutto predilige il clima temperato-caldo e per dare buoni risultati vuole calore, luce ed acqua in abbondanza. Le principali caratteristiche della pianta sono le sue foglie, grandi e pelose, e l’elevato numero di frutti prodotti: fino a 100. Originaria dell’Africa tropicale, rappresenta ancora oggi un’importante fonte di sostentamento per le popolazioni indigene di quelle zone durante i periodi di siccità. David Livingstone, un missionario scozzese vissuto nel XIX secolo, ne riportò memoria nei suoi taccuini di viaggio, dopo averne osservato l’abbondante crescita durante le esplorazioni nel deserto del Kalahari.

Il frutto simbolo dell’estate, l’anguria e le sue origini egiziane

Yellow Watermelon Sliced On Wooden Background
Varietà di anguria

Le prime coltivazioni di anguria si ebbero nell’Antico Egitto. Il mito racconta che proprio in questo luogo, l’anguria, avrebbe avuto origine dal seme del dio Seth, divinità del deserto e dei morti. Dunque, gli Egizi erano soliti deporlo nelle tombe dei Faraoni, come mezzo di sostentamento per l’aldilà. In Europa fu introdotto a partire dal XIII secolo con l’invasione dei Mori. Il tipo più insolito di anguria viene dal Giappone. In particolare dalla regione dello Zentsuji, dove i produttori fanno crescere i frutti all’interno di contenitori quadrati, ricavandone dei frutti cubici, facili da sistemare per il trasporto. Con l’anguria si realizzano anche vere e proprie sculture. Esiste un’arte, il watermelon carving, cioè l’intaglio dell’anguria, protagonista dal 2006 del Melounovy Festival, che si tiene ogni anno a Praga, nella Repubblica Ceca. Si tratta di una vera e propria galleria, dove artisti di tutto il mondo lavorano le angurie. Esse vengono intagliate, ricavandone delle sculture davvero sorprendenti per bellezza ed originalità.

il frutto simbolo dell'estate
Anguria intagliata watermelon

Un frutto alleato per la pelle e per la linea

Il cocomero è anche un prezioso alleato, per chi vuole mantenere la linea ed avere la pelle fresca e luminosa. La “dieta di anguria” deve però essere praticata seguendo una regola ben precisa, calcolata. Evitando così che una salutare norma dietetica, si trasformi in un danno. Se infatti il consumo di questo frutto, così ricco di acqua e zucchero, si dovesse aggiungere alla normale alimentazione, diventa logico che il risultato potrebbe rivelarsi negativo ai fini del peso corporeo. Invece se si sostituisce a giorni alterni (per 10-15 giorni e più) ad uno dei pasti giornalieri, una macedonia o del frullato di anguria, alla fine si avranno certamente tre importanti risultati.  Le funzioni intestinali e renali risulteranno più attive e la carnagione sarà più giovane e trasparente, in quanto priva di impurità. Un frutto sicuramente fresco, gustoso e dissetante, da gustare anche in riva al mare sotto l’ombrellone. Sapore d’estate.

( Foto Wikipedia)

Il frutto simbolo dell’estate: l’anguria e le sue antiche origini ultima modifica: 2021-07-04T09:20:37+02:00 da Daniela Santelli

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
To Top
2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x